sabato 21 giugno 2008

Iniziate le azioni legali per l'acqua

Oggi a Chieti Scalo c'è stata l'assemblea pubblica per il primo attacco legale per l'acqua promosso dal Centro Aiuto Consumatori, AICS e Confconsumatori di Chieti, con la partecipazione dello Studio Marsicano di Roma, che ha raccolto le prime deleghe dei cittadini firmatari nei banchetti organizzati dalle associazioni nelle scorse settimane. Gli avvocati hanno relazionato sulle diverse possibilità che l'azione legale potrà prendere, a seconda che entri in vigore oppure no la Class Action (o azione collettiva). La legge, infatti, offre diverse opportunità di intervento, e lo studio si concentrerà su una causa di risarcimento danni: danno patrimoniale (rimborso delle bollette degli ultimi cinque anni) e danno morale (per aver bevuto acqua “non idonea al consumo umano”). In giornata anche il WWF ha istituito dei banchetti con i propri avvocati, ma per una azione legale diversa da quella propossa dallo Studio Marsicano. Alla domanda se i cittadini potranno aderire ad entrambe le iniziative gli avvocati hanno risposto positivamente.

Lo studio legale offre gratuitamente la propria assistenza, e si riserva una quota percentuale solo in caso di vincita. I cittadini che hanno firmato nei banchetti dovranno andare a firmare le deleghe ufficiali, presso le sedi delle associazioni che sostengono l'iniziativa.

I riferimenti delle associazioni sono:

Madrigale Manlio per la Confconsumatori (tel. 348/5417307)

Paolo Di Biase per l'AICS (tel. 329/4445080).

Per lo Studio Marsicano i riferimenti sono:

www.studiomarsicano.it e www.studiomarsicanocorporate.com

email: gerardo@studiomarsicanocorporate.com; ge.marsicano@studiomarsicano.it; luca@studiomarsicanocorporate.com, info@studiomarsicanocorporate.com; segreteria@studiomarsicano.it;

via Luigi Calamatta, 16 – 00193 Roma tel. 06/45435708 / fax 0645436810

L'azione legale sarà avviata i primi del mese di luglio, quindi i firmatari sono pregati di affrettarsi a formalizzare la loro adesione.

Chiedere giustizia è un nostro diritto, come è nostro diritto avere un'acqua buona e sana.

La vicenda della “valle dei veleni” e dell'acqua potabile contaminata è uno degli scandali ambientali più imponenti in Europa e forse anche in tutto il mondo.

Oggi, tra l'altro, è la “giornata di mobilitazione nazionale per l'acqua pubblica”.

Siamo tutti invitati a partecipare alla difesa della nostra salute e dei nostri diritti.

Nessun commento:

Loading...